ERROR HEADER

Enel e obbligazioni di Settembre, le scatole cinesi sono arrivate anche lì

Anche Enel si presta ai giochi di prestigio, il valore di un'emissione obbligazionaria basato su bollette insolute del 1975, un non senso per far fruttare il nulla.

Economia Italiana, ENEL, obbligazioni
25 agosto 2014, ore 21:53
14 commenti

 

LireEccoci qui, da mesi fermi in attesa di trovare un titolo su cui buttarsi, merce rara anzi introvabile, visto che a parte qualche prestito obbligazionario che non merita neppure il nome che porta, non riesco a trovare un titolo che dia la minima speranza di coprire al suo termine il capitale investito ed un minimo guadagno.

 

Detto questo va invece rilevato come i listini si siano riempiti di titoli spazzatura, sopravvalutati nelle quotazioni e a volte vere e proprie scatole cinesi assolutamente senza valore.

 

Uno di questi prodotti arriverà sui mercati durante il mese prossimo, sponsorizzato da Enel ma che con Enel ha ben poco se non nulla a che fare.

 

Si tratta di un titolo obbligazionario di cui non si è ancora a conoscenza dei parametri fondamentali, ma in compenso si sa già che è basato sul nulla o quasi.

 

A renderci il favore di informarci su tale emissione, è stato il Corriere della Sera di qualche giorno fa, e per una volta piuttosto che denigrarne l’editore lo ringrazio pubblicamente.

 

Il corriere della sera spiega infatti come qualcuno tra un paio di mesi acquisterà un’obbligazione nella speranza di incassare un nominale costituito da bollette scadute e mai pagate dal 1975 ad oggi.

 

Ma andiamo per gradi, anche perché solo così si può capire in quanti cercano di guadagnare alle spalle dei piccoli investitori.

 

Si parte da un accordo raggiunto tra Enel Energia e Classica Sviluppo, accordo che prevede la vendita a questo intermediario di un credito ovvero delle bollette scadute e mai incassate a partire dal 1975 al 2013.

 

Attenzione, si parla di bollette insolute che raggiungono i 39 anni di età, un po’ difficile credere che l’acquirente riesca ad incassarle, ma forse non gli interessa neppure farlo, tanto che il valore medio delle bollette acquistate risulta pari all’1 – 2% del nominale.

 

Ma riprendiamo la strada, Classica Sviluppo, che nel suo management annovera Ex dirigenti MPS e antonveneta, oltre a finanziarie site in paradisi fiscali, ha ceduto in data 8 agosto scorso il pacchetto di bollette ad una società veicolo, tale Classica SP, importante operatore del settore “finanza strutturata”.

 

In questa occasione, si viene a conoscenza che il pacchetto di bollette comprende contratti inerenti clienti con residenza o domicilio in Italia, sia persone fisiche che giuridiche e che il periodo di questi crediti va dal 01 gen 1975 al 31 dic 2013.

 

Da queste rivelazioni si può concludere che a fronte di migliaia di clienti che possono essere impattati, la possibilità di riscattare il debito e quindi il valore del pacchetto di bollette è molto molto basso.

 

Ma perché dire tutto questo ?

 

Proprio perché a fronte di un pacchetto “sottostante” che fornirà la “garanzia” su cui verrà costituito il valore della famosa emissione obbligazionaria di metà settembre, dopo il primo collocamento previsto presso investitori istituzionali.

 

Le obbligazioni passeranno, dopo il periodo previsto dalle normative vigenti, sul mercato secondario, ovvero a disposizione degli investitori retail e c’è da giurarci, che non mancheranno i promoter pronti ad accalorare la validità di questo strumento finanziario che è praticamente nullo.

 

In questo modo vi sarà qualcuno che acquisterà un titolo finanziario, convinto di aver fatto un affare senza sapere che l’unica speranza di rivedere il suo denaro è basata sulla possibilità di recuperare crediti vecchi di 39 anni.

 

Non male vero ? Eppure è tutto legale e forse questo è solo uno dei mille prodotti finanziari che hanno un valore “reale” complessivo praticamente nullo, strumenti finanziari che viste le quotazioni attuali dei listini, vengono spesso scambiati a valori ben superiori alla pari.

 

Sembra preistoria il periodo in cui vi erano regole quali “patti chiari” oppure regolamentazioni “MIFID”, a fatti vi sono ancora, ma quando sono stati applicati e in che modo ?

 

Forse a volte prendersela con calma, evitare di fare guai peggiori, ovvero investire per forza, anche a fronte di prodotti che non convincono, sembra proprio la strada da seguire.

 

Complimenti comunque ad Enel che si è prestata a dare il via a questo gioco di scatole cinesi, andando probabilmente a nuocere ai suoi stessi clienti, ma c’è forse ancora qualcuno che tiene conto del codice etico e tratta i clienti come persone su cui investire ?

 

Poi Ognuno………………

 
 
Autore: Verdemoneta Chi é:

Ti piace o ritieni utile questo articolo? Aiutaci a diffonderlo!

Su Facebook
Ti piace l'articolo?


Ti piace InvestireOggi
Su Twitter
"Twittalo"


Resta Aggiornato
Su Google+
Promuovi l'articolo
Su Social IO
Condividi l'articolo

14 Commenti

Lascia un tuo commento +

Emoticons :-)  :D  :mrgreen:  :(  ;-)  :roll:  :mad:

  • # 1
    quando la bolla scoppierà nessun investimento rimarrà immune,forse l'oro.
  • # 2
    Caro Abramo finalmente sei tornato, era ora ci sei mancato tanto. La lettura dei tuoi consigli è stata per tanto tempo la prima azione svolta dopo l'accensione del computer. Spero che tu riprenda nuovamente a darci le giuste valutazioni sul difficile mondo del risparmio. Buona giornata
  • # 3
    Un semplice ben tornato, si è sentita fortemente la mancanza dei suoi consigli visti nelle giusta prospettiva. Ugorco
  • # 4
    Capisco i dubbi dell'autore ma molti prodotti di quoto tipo hanno invece dato soddisfazioni agli investitori. Non è corretto dire che i crediti sottostanti sono vecchi di 39 anni in quanto si tratta di un pacchetto di crediti che, come peraltro correttamente riportato più volte nell'articolo, arriva sino a fine 2013. Chiaramente non è un prodotto per tutti, va verificata l'informativa data ai potenziali inventori retail (specie via piattaforme on-line, potrebbero generarsi acquisti non pienamente "consci") ma non sono d'accordo nel "bollare" in maniera così netta l'iniziativa. Capisco completamente le argomentazioni proposte ma le conclusioni sono un po' estreme, temo.
  • # 5
    Mah è una cartolarizzazione non mi sembra così terribile ce ne sono una valanga l'importante è capire bene cosa si compra
  • # 6
    E' una cartolarizzazione. Questo portafoglio di bollette avrà senza dubbio un tasso di rimborso medio storico sul quale si baserà la garanzia del prestito, in più, come di consuetudine, l'ammontare del collaterale sarà decisamente superiore all'ammontare degli interessi annuali. Rimane il fatto che investire in obbligazioni è ormai un gioco dal bassissimo ritorno e dall'enorme rischio. I tassi sotto zero non possono andare e nella migliore delle ipotesi potranno restare così come sono solo se compressi delle banche centrali. Tutti (credo) siamo consci dove sarebbero se liberi di fluttuare in un libero mercato.
  • # 7
    BenTornato!!! S.A.
  • # 8
    oramai la gente è talmente abituata a prendere fregature che considerano questa obbligazione una buona occasione.
  • # 9
    Questa mattina sono entrato nel sito deciso a cancellare il LINK dato che non veniva aggiornato da tempo. Con sorpresa ti ritrovo!!! Le tue considerazioni mi sono preziose per valutare meglio su cosa investire A presto
  • # 10
    condivido sempre tutto quello che dice il sig. Abramo Bodini, da sempre degli ottimi consigni. grazie
  • # 11
    Ben tornato Abramo. Avanti tutta!
  • # 12
    buongiorno abramo e ben tornato dopo 6 mesi di "latitanza"......
  • # 13
    Bentornato!
  • # 14
    Incredibile, alla fine la consob che dovrebbe vigilare, le normative MIFID, il profilo di rischio non servono a nulla... Gli enti di vigilanza non dovrebbero permettere delle porcate simili.
  • DAGLI ALTRI BLOG

  • COMMENTI & COMMENTATORI

    patrizia [email protected]:Avete bisogno di un prestito entro 48 ore Offerte particolare di credito:[email protected] Finanziamento tra privati Sono una donna e mi prestiti veloci da 2.000 a 1.000.000 €. Per tutte le richieste di prestito, in contatto con me pretendere di beneficiare di un prestito al 3% di interesse a:[email protected]
    solange Se ho trovato il sorriso è grazie a signor NAPOLITANO Augusto che ho ricevuto un prestito di 4.800 e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di quest'uomo senza alcune difficoltà con un tasso di 2% all'anno. Li consiglio più voi non fuorviate persone se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro. Pubblico questo messaggio perché signor NAPOLITANO Augusto mi ha fatto bene con questo prestito. È tramite un'amica che ho incontrato il questo sig. onesto e generoso che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Allora vi consiglio di contattarlo e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete. ecco la sua posta elettronica: [email protected]
    Immacolata Nappi Ciao , Signora e signore, vi offro la possibilità di ottenere un credito tra privato serio ed onesto allo scopo della punta in opera dei vostri progetti e delle vostre preoccupazioni finanziaria, ma ciò sarà possibile se tuttavia voi disporre di una fonte di reddito mensile accessibile per il rimborso del credito. Infatti, l'offerta è tra 3.000 euro e 16.000.000 euro con un tasso d'interesse del 3% soltanto. Allora in caso di bisogno di credito, volete contattarlo per sono servito. Tuttavia, ecco il mio indirizzo mail: [email protected] Grazie.
  • Categorie
  • Tag cloud
  • Mercati
  • News Finanziarie
  • Blog Finanziari
  • Links amici
  • Archivi
  •  
  •