Martedì 9 Febbraio 2016 , Ore 15:42
 
 

Rendite finanziarie, nuove aliquote 2012 ma non per tutti.

Armonizzazione della tassazione inerente le rendite finanziarie, a sorpresa si scopre che non varrà per tutti ma solo per le persone fisiche (risparmiatori) ed alcuni enti, ancora una volta lo stato fà cassa sulle spalle dei cittadini, un breve decalogo della nuova tassazione in vigore dal 01 Gennaio 2012.

Dal 01 Gennaio 2012, entreranno in vigore le nuove aliquote fiscali inerenti la tassazione delle rendite finanziarie, come da indicazioni inserite nella manovra economica 2011 approvata nei giorni scorsi.

Variazioni che si sono rese necessarie per accorpare la maggior parte dei prodotti finanziari in un’unica aliquota fissata al 20%, ma soprattutto, per poter recuperare parte dei fondi destinati all’ abbattimento del debito pubblico italiano.

Visto i problemi di interpretazione della nuova normativa, a tre mesi e mezzo da questa scadenza, forse è meglio fare un riepilogo delle novità inserite in manovra.

Alla prima lettura delle note inserite nella manovra, risultavano infatti mancare le dovute precisazioni, atte a distinguere i prodotti impattati dalla nuova tassazione, da quelli che invece non subiranno cambiamenti.

Vediamo, se ad un trimestre dall’ entrata in vigore della nuova tassazione, riusciamo a fornire un quadro un po’ più chiaro di quanto rilevato sino ad ora, in modo da poter avere elementi disponibili per iniziare a calcolare le variazioni che subiranno i rendimenti degli investimenti, a partire dal prossimo 01 Gennaio.

Riassumiamo quanto riportato nella manovra appena approvata, “i proventi da attività finanziare, a partire dal 1 gennaio 2012, vengano tassati al 20%, con l’eccezione di quelli derivanti dal possesso di titoli di Stato e strumenti assimilabili, per cui l’aliquota rimarrà quella 12,5%”.

Esclusi da questo capitolo sono, oltre ai titoli di Stato, anche i titoli di risparmio per l’economia meridionale e i piani di risparmio a lungo termine appositamente istituiti, che saranno sottoposti ancora alla tassazione del 12,5%.

Rendite finanziarie nuove aliquote fiscali dal 01 Gen 2012 :

Aliquote fiscali chi scende :

Conti correnti, conti deposito, conti vincolati : l’ aliquota passa dal 27% al 20%

libretti postali : l’ aliquota passa dal 27% al 20%

Aliquote fiscali chi resta fermo :

Buoni postali : aliquota invariata al 12,5%

Titoli di stato Italiani ed Esteri con relative cedole : aliquota invariata al 12,5%

Fondi pensione : Aliquota agevolata invariata

Aliquote fiscali chi sale :

Azioni e relativi dividendi : l’ aliquota passa dal 12,5% al 20%

Certificati e relative cedole : l’ aliquota passa dal 12,5% al 20%

Obbligazioni (Bond) e relative cedole : l’ aliquota passa dal 12,5% al 20%

Fondi comuni ed ETF : l’ aliquota passa dal 12,5% al 20%

PCT ( pronti contro termine ) : l’ aliquota passa dal 12,5% al 20%

Già da questo breve elenco, possiamo riscontrare quanto di parte sia stata questa suddivisione, ad esempio : i buoni postali mantengono l’ aliquota del 12,5%, questo in quanto la posta è pensata come proprietà dello stato, un concetto anacronistico, se pensiamo al mercato finanziario globale e alla possibilità di una privatizzazione anche parziale di questa società.

Se ciò dovesse avvenire, a quel punto si dovrebbe cambiare la normativa, visto che per le aziende a partecipazione statale tipo ENEL, ENI, Finmeccanica, ecc ecc, la tassazione delle rendite prevista è stata portata al 20%.

Assurdità ancora più stridente la si riscontrare nei PCT ( pronti contro termine), contratti stipulati tra banca e risparmiatore, per cui l’ istituto si impegna ad acquistare BTP e rivenderli ad una certa data, in modo da poter pagare all’ investitore un margine di interesse prefissato.

Tale anomalia, la si può riscontrare anche nei casi di Fondi comuni specializzati, con portafoglio investito esclusivamente in Titoli di Stato.

In questi casi, oltre al danno l’ investitore subirà anche la beffa, mentre infatti l’ emittente continuerà ad acquistare e rivendere titoli di stato, rimanendo assoggettata ad un aliquota del 12,5%.

L’ investitore dovrà corrispondere allo stato il 20% dell’ interesse maturato, questo a causa della ridenominazione del prodotto, visto che il suo contenuto è sempre un titolo di stato, si ha la sensazione di essere davanti al gioco delle tre carte, apparizioni e sparizioni, sconcertante.

L’ anomalia, è dovuta al fatto che la modifica della tassazione sulle rendite finanziarie, a sorpresa non colpirà tutti.

Chi subisce e chi no :

La nuova tassazione non verrà applicata a tutti gli investitori, ma solo alle persone fisiche, più alcune tipologie di enti, rimarrà invece inalterato il regime fiscale a cui verranno sottoposti gli investitori istituzionali.

E qui, credo saranno in molti a provare gli stessi odiosi sentimenti che cominciano farmi prudere le mani, ancora una volta, il conto del saccheggio perpetrato dai politici lo devono pagare solo ed esclusivamente i risparmiatori.

Credo sia inutile, dire quanto sia assurdo inserire una tassazione separata, che andrà a penalizzare fortemente il piccolo risparmiatore, mentre non avrà nessun impatto su chi di denaro ne investe molto divertendosi a fare il bello e cattivo tempo sui mercati, a scapito dei piccoli investitori.

In poche parole, il governo ha deciso che per salvare l’ Italia dalla crisi del debito, è più logico tassare chi investe poche decine di migliaia di euro, al posto di chi ne investe milioni ogni giorno.

Tutto questo, avviene proprio nel momento in cui ci sarebbe necessità di reperire una grossa quantità di risorse, da poter investire nell’ abbattimento del debito pubblico e nella ricerca di soluzioni per rilanciare la crescita economica.

Non per nulla ormai la barzelletta Italia ha stancato molti, i tagli di rating subiti dal debito italiano ormai a cascata, le dichiarazioni degli esponenti dei vari organi istituzionali europei, nei confronti della gestione del nostro paese parlano da soli.

Credo sia superfluo aggiungere qualsiasi altro commento.

 
 
Autore: Verdemoneta Chi é:

Ti piace o ritieni utile questo articolo? Aiutaci a diffonderlo!

Su Facebook
Ti piace l'articolo?


Ti piace InvestireOggi
Su Twitter
"Twittalo"


Resta Aggiornato
Su Google+
Promuovi l'articolo
Su Social IO
Condividi l'articolo

12 Commenti

Lascia un tuo commento +

Emoticons :-)  :D  :mrgreen:  :(  ;-)  :roll:  :mad:

  • # 1
    Ti correggo sui fondi comuni con titoli di stato in portafoglio (non solo quelli investiti totalmente in titoli di stato, ma anche gli altri per la quota parte investita in TdS). Mi risulta che le plusvalenze realizzate su titoli di Stato infatti verranno tassate al 20%, ma varrà a fini fiscali il 62,5% della plusvalenza quindi in sostanza l'aliquota rimarrà pari al 12,5%. Mi riservo di controllare e confermartelo! Ciao!
  • # 2
    @ Stefano Lovato: Grazie Stefano, una notizia positiva di questi tempi non fà certo dispiacere...:- Buonagiornata.....:-)
  • # 3
    Prego!!! ;) Ah... controllato: confermo. :D
  • # 4
    Una domanda riguardante i bolli deposito titoli, per aggirare la tassazione si potrebbe portare i titoli presso una sim abilitata dalla Consob che ne pensate?
  • # 5
    Certo si puo fare...dipende poi da che titoli hai perché non tutte le sim trattano gli stessi titoli...soprattutto se obbligazioni :(
  • # 6
    Si può fare e confermo i limiti esposti da Valerio. La cosa comporta un rischio che non va sottovalutato: per le Sim non c’è il fondo interbancario e quindi i depositi sono meno tutelati di quelli bancari. Una Sim permette, dal punto di vista della negoziazione titoli le stesse cose che fa la banca, quasi tutte permettono l’operatività online, per cui si può aprire il conto da internet e trasferirci i titoli. Ma attenzione perchè, ripeto, per quanto solida possa essere, una Sim fornisce meno garanzie di una banca.
  • # 7
    A questo punto andrei senza esitazione su We Bank che ti paga i bolli fino a tutto il 2013 poi nel 2014 si vedrà.... che ne pensate?? :D
  • # 8
    SE possiedo delle obbligazioni con cedola semestrale contratte nel 2008, con aliquota del 12,50%,queste obbligazioni dal 01 gennaio 2012 mantengono il 12,50 o passano al 20% fino alla scadenza? grazie
  • # 9
    Felicità 2012, purtroppo passano al 20% .......buon anno........
  • # 10
  • # 11
    Stefano grazie per il prezioso chiarimento sulla tassazione delle plusvalenze dei titoli di stato. Il 16 gennaio mi sono stati accreditati gli interessi annuali di obbligazioni mediocredito lombardo tassati del 20 per cento. Secondo voi è corretto o piuttosto dovrebbero tassare il rateo del 2011 al 12,50 e il rateo di competenza 2012 al 20 per cento?
  • # 12
    Avrebbero dovuto suddividerti il rateo......in questi giorni le banche stanno inoltrando comunicazioni ai propri clienti per informarli che provvederanno ad addebitare il 12,5% e riaccreditare il 20%, in modo che poi alle naturali scadenze possano addebitare esclusivamente il 20%........
  • Verdemoneta è il blog di
    Abramo Bodini
    Sono una persona semplice, che per passione si interessa da molti anni di economia e di finanza. Tratto spesso di obbligazioni, per ricercare occasioni di acquisto.
    Nell'esprimere le mie opinioni non faccio sconti, e non guardo in faccia nessuno., tantomeno quelli che decidono le sorti di questo paese, le sorti dell'economia, le sorti di una azienda, e dunque la sorte di molte persone.
    Benvenuti sul mio blog. :-)
  • COMMENTI & COMMENTATORI

    EMANUELA e anche quando si chiedeva qualcosa nn rispondevano sono evasivi.......si più avanti ma quando insomma un programma nn l'hanno mai spiegato speriamo di fare un bel gruppo e di scrivere a qualcuno semmai avremo delle risposte...perché dico almeno delle risposte dato che quelle quote nn erano a rischio...però adesso chissà come mai nn le restituiscono
    Libero Buongiorno a tutti. Utente Santi, Tu dici di aver scritto ad un'associazione consumatori, qual'è questa associazione? in modo che eventualmente agiamo insieme... solo così la possiamo spuntare con questa gente!!! Anche l'utente Mira secondo me non sbaglia con "Mi Manda Rai 3" più ci mettiamo in mostra e più avremmo possibilità di spuntarla. chi può contattarli lo faccia!!! Abbiamo perso fin troppo tempo a vedere distruggere i nostri soldi. Il punto è che non ci hanno avvisato della pericolosità dell'investimento e anzi hanno forzato letteralmente i vari questionari dei requisiti di adeguatezza all'investimento, e ci hanno assicurato che era un prodotto tranquillo e con capitale garantito, come tanti altri che abbiamo sempre sottoscritto in Posta. Un Ringraziamento di cuore al Sig. Abramo Bodini Titolare del Blog Verdemoneta
    fabrizio Si, cerchiamo di farci sentire, più siamo meglio è!
    EMANUELA nn è male come iniziativa si può fare Fabrizio ha ragione tentiamo di aver indietro i nostri soldi
    santi Mi rivolgo alla cortese attenzione del Sig. Abramo Bodini Titolare del Blog Verdemoneta sul Fondo Obelisco, che ci sta dando la possibilità almeno di sfogarci, pregandolo di istituire,anche tramite un Associazione Consumatori, un documento di adesione per poter dare inizio ad una "Causa Collettiva", in modo che chi vuole partecipare possa iscriversi con nome cognome ed indirizzo email, senza ovviamente farlo in forma pubblica e, come dice giustamente Fabrizio, tentare di riottenere almeno i nostri soldi.
  • Categorie
  • Tag cloud
  • Mercati
  • News Finanziarie
    Conti pubblici e flessibilità,

    Conti pubblici e flessibilità, le armi spuntate di Renzi e il rischio sovrano

    Oggi 14:15L'Italia non può più permettersi uno scontro con la UE sui conti pubblici, perché oltre allo spread esiste il rischio
    Petrolio, produzione OPEC in

    Petrolio, produzione OPEC in crescita a gennaio e l'eccesso di offerta aumenta

    Oggi 12:17Produzione di petrolio ancora in crescita a gennaio per i paesi OPEC, mentre l'eccesso di offerta è stimato dalla IEA
    Il fantasma del governo

    Il fantasma del governo Berlusconi aleggia su Renzi con il remake del 2011

    Oggi 11:20Analogie tra il 2011 e il 2016. Tra crisi finanziaria, tensioni politiche con la UE e maggioranza poco solida, il
    Banche, ora fanno paura

    Banche, ora fanno paura i coco bond. Qual è la situazione in Italia?

    Oggi 10:05Paura sui mercati per i co.co.bond, le obbligazioni subordinate più rischiose emesse dalle banche. E in Italia come siamo messi?

    Banca Popolare di Milano: Kepler Cheuvreux abbassa il Target Price, rating inalterato

    Oggi 09:27Kepler Cheuvreux sul titolo Banca Popolare di Milano abbassa il Target Price a 0.82, con rating Hold
  • Blog Finanziari
  • Links amici
  • Archivi
  •  
  •