Giovedì 3 Settembre 2015 , Ore 17:07
 
 

Evasione Fiscale – Il governo rifiuta 50 miliardi preferendo aumentare le tasse

Evasione fiscale, il governo ha la possiiblità di punire chi ha "esportato" capitali, ma l'esecutivo si oppone al raggiungimento di accordi con la Svizzera, come già fatto da altri stati e approvato dalla UE; Monti e soci ci potrebbero spiegare perchè vogliono proteggere ancora gli evasori?

Dall’esecutivo attuale, in questi ultimi giorni, non si è fatto altro che replicare alle domande dei cronisti assicurando che il livello di tassazione attuale non verrà inasprito.

Peccato che tra pochi mesi, si rischia di vedere messo in opera l’ aumento dell’IVA dal 21% al 23%, che ancora non si sappia quanto si dovrà pagare per il saldo dell’ IMU, che nell’ultimo periodo le aste di titoli di stato abbiano registrato un aumento dei tassi di interesse.

Aumento che andrà a “gonfiare”,ancora una volta il debito pubblico rendendo così più improbabile il raggiungimento del pareggio di bilancio, ergo sum serviranno nuove entrate, per cui un altro giro di vite sulle tasse.

Tutto questo o per lo meno l’ aumento dell’IVA dal 21 al 23% potrebbe essere evitato se in questi mesi estivi il governo riuscisse a “recuperare” quei 4,1 miliardi di euro che servono, tramite il taglio dei costi che dovrebbe essere messo a punto nella famosa spending review.

A quanto pare, sembra che ad occuparsene dovrebbe essere mister Bondi, ex AD di Parmalat, che in questi ultimi anni, si è distinto per l’ abilità e la costanza nel perseguire gli interessi dell’azienda, riuscendo a recuperare più di 2 miliardi di euro in revocatorie.

Si attende ora l’ufficializzazione di questa posizione, per tornare a sperare in un personaggio, che ha dimostrato di non temere la forza dei grandi gruppi multinazionali pur di difendere il diritto dell’azienda per cui lavorava.

Un bel duello Bondi – Lobby, è quello che molti si augurano, in modo da verificare fino a che punto le ultime, oseranno spingersi per difendere i propri privilegi, in un momento in cui la loro popolarità è giunta ai minimi storici.

Ma al di là di tutto questo, vi è il solito paradosso tutto italiano, per cui a fatti se solo volesse, l’esecutivo attuale potrebbe accedere in breve tempo ad un “tesoretto” quantificabile in una cifra che potrebbe arrivare sino a 50 miliardi di euro.

Si tratterebbe di raggiungere, un semplice e già ratificato da altri paesi, accordo con il fisco svizzero, per poter ottenere la restituzione di una parte dei capitali evasi da aziende e cittadini italiani e giacenti nei caveau delle banche svizzere.

La stima, parla di un capitale totale di denaro italiano evaso, giacente presso le banche svizzere di almeno 150 miliardi di euro, di cui lo stato potrebbe richiedere la restituzione sino ad un terzo del totale , ma a quanto pare questo non rientra negli interessi dell’esecutivo.

A dire il vero, la posizione dell’esecutivo, era dovuta ad una disposizione UE, che riteneva di sua unica competenza il raggiungimento di tale accordo, in modo che le condizioni fossero uniche ed uguali per tutti gli stati.

Peccato, che tale posizione è stata superata, da una dichiarazione rilasciata in data 17 aprile il commissario europeo alla Fiscalità, Algirdas Šemeta, che parla di Full compliance”, piena conformità, a riguardo degli accordi bilaterali raggiunti da Gran Bretagna, Germania e Austria con la Svizzera, rendendoli a fatti compatibili con il diritto comunitario .

Per esemplificare, l’Austria in data 13 aprile ha sottoscritto un accordo con la Svizzera che funziona in questi termini :

Dei 20 miliardi di euro austriaci frutto di evasione, presenti nei caveau delle banche svizzere, l’Austria ha dato al disponibilità agli evasori di rimanere anonimi, in cambio della restituzione del 30% del capitale tramite il pagamento di una sanzione una tantum del 30 per cento,

Si tratta a fatti di un condono fiscale ma di entità ben diversa da quel 5 per cento applicato da Giulio Tre-monti ai suoi tempi, soprattutto viste le “fantasiose” difficoltà odierne a far pagare una seconda “ammenda” ai famosi “scudati”.

Inoltre, l’accordo firmato tra Austria e Svizzera, va al di là della semplice ammenda “una tantum”, prevede infatti, che tutti i proventi dei capitali e degli altri strumenti finanziari depositati in Svizzera, ovvero dividendi e capital gain, vengano tassati al 25% annuo.

La Svizzera si accollerà quindi il ruolo di esattore per conto dell’Austria, in cambio conserverà il segreto bancario, strumento indispensabile per attirare i capitali dall’estero.

Sulla falsa riga dell’ Austria si erano già mossi Germania e Gran Bretagna, raggiungendo accordi simili.

L’applicazione si stava complicando, in quanto, a Commissione europea, temeva gli effetti distorsivi di provvedimenti che, di fatto, sanano le posizioni illecite del passato.

L’ escamotage trovato, è quello di considerare i pagamenti effettuati solo come acconto di quanto verrà chiesto a chi ha soldi in Svizzera dopo l’approvazione di un accordo complessivo tra i 27 Paesi Ue che il commissario Šemeta continua ad auspicare”.

A fronte di questa “rivoluzione”; la Germania ha raggiunto un accordo le cui condizioni sono ancora più dure.

Si parla infatti di un prelievo una tantum tra il 21 e il 41 per cento e una patrimoniale colossale del 50 per cento per chi eredita un conto svizzero e non lo dichiara al fisco tedesco.

Il flusso di denaro verso Berlino comincerà nel 2013.

Pochi giorni fa il ministro delle Finanze elvetico, Eveline Widmer-Schlumpf, ha detto in un’intervista che “la Svizzera sta portando avanti con Italia e Francia il tema della tassazione degli asset detenuti in conti svizzeri da cittadini dei due Paesi, ma un negoziato formale deve ancora iniziare”.

Questo in quanto Monti e soci sono favorevole agli accordi con la Svizzera solo nel quadro di un’intesa comunitaria, peccato che ora la stessa UE ha dato il via libera ad accordi bilaterali.

Ora Monti e i suoi ministri non hanno più alibi, arrivare ad un accordo a questo punto non è solo sperabile ma doveroso, non è infatti escluso che il capitale recuperato, potrebbe andare a diminuire il carico fiscale che pesa sui cittadini.

Visto anche la recessione in corso, e le minori entrate fiscali che questa comporterà, un “aiuto” dato da chi per anni si è arricchito sulle spalle degli altri non sarebbe certo mal vista, anzi sarebbe per una volta la benvenuta. Poi ben venga anche Bondi e la Spending Review, ma ora comincino a pagare i signori dei paradisi fiscali.

 
 
Autore: Verdemoneta Chi é:

Ti piace o ritieni utile questo articolo? Aiutaci a diffonderlo!

Su Facebook
Ti piace l'articolo?


Ti piace InvestireOggi
Su Twitter
"Twittalo"


Resta Aggiornato
Su Google+
Promuovi l'articolo
Su Social IO
Condividi l'articolo

6 Commenti

Lascia un tuo commento +

Emoticons :-)  :D  :mrgreen:  :(  ;-)  :roll:  :mad:

  • # 1
    La Cospirazione dei Ricchi Le 8 nuove regole del denaro Robert T. Kiyosaki Leggete questo libro e vedrete perchè succede questo, e non pensiate che finisca qui... la classe media deve sparire e vedendo quello che stà accadendo sparira'..... :(
  • # 2
    Bellissimo, bravissimo,ciò che tu esprimi in questo articolo io penso sia la volontà di milioni di italiani onesti. Italiani vessati da un fisco iniquo e da una classe dirigente a oggi forte con i deboli e debole con i forti. Se questo auspicato accordo con la Svizzera viene realizzato sarebbe un segnale forte e chiaro di un cambiamento di politica (una seconda fase piu seria e condivisibile) indirizzata ad una maggiore equità e giustizia sociale. I furbi evasori fino ad oggi sorriso sotto i baffi delle difficoltà della gente comune ad arrivare a fine mese, a pagare le tasse ,lavoro, ecc.ecc.dovrebbero trovarsi di fronte ad un accodo costruito sulla falsa riga tedesca. Costretti a pagare aliquote di di quell'entità smetterebbero certamente di ridere e di ritenere coloro che pagano le tasse e fanno il loro dovere dei semplici FESSI!!!! Un caro saluto a tutti
  • # 3
    mi risulta che il ben misero aumento sui capitali evasi, sanati dal governo Tremonti-Berlusconi e che dovevano dare a febbraio 2012 circa un miliado e mezzo di euro (vado a memoria) non sono stati incassati e che c'è stata una proroga di due mesi (quindi già scaduta). Questa è la premessa, come si può pretendere che il governo neoliberista Monti-Fornero così ligio ad attaccare l'articolo 18, possa muoversi con la stessa decisione per recuperare miliardi con l'obbligato accordo con la Svizzera? La Germania, la Gran Bretagne e ... l'Austria l'hanno fatto. D'altra parte come si fa a credere a un governo che dice che i capitali non investono in Italia perchè esiste l'articolo 18 e non dice che i capitali non vengono in Italia perchè c'è corruzione (60 miliardi annui) e mafia. Napolitano , mentore di Monti, e lo stesso Monti non hanno mai pronunciato la parola mafia, per loro non esiste.
  • # 4
    marteluyn, hai centrato appieno la questione.. io sono distante anni luce da monti e il suo predecessore, ma confidavo in monti per imprimere quella svolta che ci serviva! dopo l'affermazione da te citata, ossia la mancanza di investimenti dovuta all'articolo 18, che esiste in tutti i paesi civili, ovviamente con altro nome, bè, ho compreso la malafede e l'ipocrisia di chi ci mal-governa!
  • # 5
    Temo che stiano dilazionando per perdere tempo affinchè gli "amici" possano far trasferire i loro capitali in extr oriente ... questo è il punto: i vantaggi sono diversi: i loro capitali nn sono toccati; la veriifca della "stalla vuota" dà la stura nel dire che erano fantasiose le time di evasione e che quindi sarà giusto spennare ancor di più gli onesti.
  • # 6
    LA VERITA' E' CHE SIAMO IN UN MARE DI MER.DA
  • Verdemoneta è il blog di
    Abramo Bodini
    Sono una persona semplice, che per passione si interessa da molti anni di economia e di finanza. Tratto spesso di obbligazioni, per ricercare occasioni di acquisto.
    Nell'esprimere le mie opinioni non faccio sconti, e non guardo in faccia nessuno., tantomeno quelli che decidono le sorti di questo paese, le sorti dell'economia, le sorti di una azienda, e dunque la sorte di molte persone.
    Benvenuti sul mio blog. :-)
  • COMMENTI & COMMENTATORI

    casalins Ciao, persone reali sono quelli che sanno come aiutare i loro compagno sollievo quando subiscono. Questa signora mi ha dato un prestito di € 50.000 senza qualsiasi me complicare il compito a livello dei documenti che richiedono le banche nelle applicazioni di prestito. Se sei in difficoltà finanziarie, grazie alla sua GAI oggi super mercato all'angolo, lei era il mio Salvatore, e davvero non so cosa sia perché GAI ha deciso oggi di testimoniare in suo favore, è possibile contattarla tramite posta e seguite le sue istruzioni e sarete soddisfatti entro 48 ore al massimo. Conferma e questo momento se e ' successo che hai esigenze un prestito si prega di fare contatto con esso. Quindi che ne hanno bisogno come me ti puoi scrivere a lui spiegare a lui la tua situazione potrebbe aiutare sua e-mail: angelavadez8@gmailcom
    laurent Buongiorno Sono il sig. Laurent Duplain promotore del gruppo Duplain, proprietario di molte società di produzioni nel mondo. In comune accordo con i miei consulenti finanziari ed a causa della crisi economica mondiale abbiamo deciso di assegnare prestiti ai privati seri, onesti di buone moralità e nella necessità urgente di denaro. La nostra offerta è applicata a: - Tutti, del dipendente di negozio al quadro finanziario, del camionista al funzionario. - L'ogni persona che non ha accesso ad un credito in una banca o organismi finanziari. - Privati disoccupati o alla disoccupazione. - Le persone in contratto a tempo determinato, interinali, contratti aiutati… tutti i contratti fuori CSI. - I privati in situazione finanziarie difficili. - Indebitamenti eccessivi, schedato pagano. - Anche per gli investitori, trader che desiderano fare rendere i loro capitali. - ecc.… Il nostro tasso d'interesse è pari al 3% l'anno nel rispetto rigoroso della legge sull'usura. Per ulteriori dettagli volete contattarli: laurentduplain@yahoo.fr Grazie
    Rosaria GABOLA Offerta di prestito denaro tra privato gratuito urgente Salve Sono di nazionalità francese residenza in Italia nella città di Agrigento Società del mio prestito si trova nella città di VERONA. Siete alla ricerca di un prestito o di o di riavviare le vostre attività o per la realizzazione di un progetto, di acquistare una appartamento ma ahimè la banca ti chiede di condizioni che si 'amor ri incapbles s Io sono un individuo ho concesso prestiti che vanno da 5.000 a 1.000.000 € ha tutte le persone capaci di soddisfare la sua anche il tasso di interesse è del 3% annuo. oppure si bisogno di soldi per altri motivi, non mi esitate contattare per ulteriori informazioni. Successivo: offert denaro in prestito. Sono un privato, azionista di banca e direttore di molte imprese del posto. Sono un Madre nel mondo degli affari. dispongo di un capitale molto importante. Siete anche un privato, onesto e di buona moralità. In seguito alla nostra intervista con uno dei miei consulenti finanziari, abbiamo deciso di accordare prestiti che vanno da 5.000€ a 1.000.000€ per aiutare privati che non hanno purtroppo accesso alle banche con le loro condizioni difficili da riempire. gabolarosaria@gmail.com
    helen Garanzia e servizi di credito attendibili offrono alle 2%, come: prestiti personali, prestiti commerciali, Prestiti commerciali, mutui auto e prestiti auto, ecc. Scrivici ora per applicare e ottenere approvato. E-mail: helenparker528@gmail.com SALUTI.
    lucia offerta di prestito in 72 ore Buongiorno Sono un banchiere in pensione che lavora di cuore con il mio banca. ho una grande somma nel mio conto e la mia preoccupazione è d aiutato la gente non avendo i mezzi per realizzare il loro progetto, aiuto gente seria ed onesta, che può rimborsare questo prestito nel tempo normale. Ciò lascerà la cura di lavorare in stretta collaborazione con il mio notaio per le procedure di utilizzare per effettuare questa transazione. Offro prestiti a breve, medio e lungo termine che vanno di 2000 € a 500.000 € ed oltre. La mia zigrinatura è realizzata con uno interesse del 3%.
  • Categorie
  • Tag cloud
  • Mercati
  • News Finanziarie

    Salvatore Ferragamo: Societè Generale conferma Rating e Target

    28-08-2015 15:16Societè Generale sul titolo Salvatore Ferragamo conferma rating Sell e target 24.50

    Landi Renzo: Mediobanca abbassa il Target Price, rating inalterato

    28-08-2015 15:16Mediobanca sul titolo Landi Renzo abbassa il Target Price a 0.83, con rating Neutral
    Confcommercio: casa sempre più

    Confcommercio: casa sempre più un lusso, crescono le spese obbligatorie

    28-08-2015 12:21Si chiamano spese obbligatorie e sono quelle che riducono il benessere delle famiglie italiane. I dati della Confcommercio evidenziano una

    Salvatore Ferragamo: Equita cambia il Target Price, rating inalterato

    28-08-2015 11:53Equita sul titolo Salvatore Ferragamo abbassa il Target Price a 29.00

    Iren: Mediobanca alza il Target Price, rating inalterato

    28-08-2015 11:03Mediobanca sul titolo Iren alza il Target Price a 1.55, con rating Outperform
  • Blog Finanziari
  • Links amici
  • Archivi
  •  
  •